Season2022

27 aprile 2022

Intervista Annamaria Naddeo

Prossima intervista ▶️ Annamaria Naddeo🏅🇮🇹☘️💯🏃🏼‍♀️ "Sono Annamaria Naddeo, studentessa di Ingegneria elettronica all’università “la Sapienza” di Roma, 19 anni da poco compiuti, atleta nella maggior parte del tempo libero, lettrice accanita e sognatrice." 🔸Sei stata premiata dall'università.. Raccontaci un po'! "Spesso per noi giovani la scelta universitaria rappresenta una grande barriera da valicare, un ostacolo insormontabile tra la nostra vita “ludica” e quella che è la vita vera. Questo si riflette soprattutto nello sport, a 18 anni tanti ragazzi che intraprendono delle facoltà universitarie impegnative, quali possono essere ingegneria o medicina, mettono da parte la loro “ora d’aria” perché ritenuta una perdita di tempo, dei minuti sottratti allo studio per una causa non valida. Di recente sono stata premiata per l’iniziativa “100 ragazze STEM” e, insieme a me, altre 99 ragazze meritevoli, fuorisede, che hanno scelto un percorso universitario improntato sulle materie scientifiche, sono state valorizzate per la loro intelligenza, la loro voglia di fare, di mettersi in gioco. Perché non è cosi facile come sembra decidere di allontanarsi da casa per inseguire il proprio sogno, abbandonare il “nido” per spiccare il volo. È questo il messaggio che voglio lanciare, volere è potere, non è detto che per eccellere sia necessario rinunciare alle proprie passioni, perché quando qualcosa viene fatto mettendoci il cuore non è mai persa, ma anzi, è un beneficio. Come dicevano i latini, già tanti anni fa, “mens sana in corpore sano”." 🔸Parlaci dell'atletica.. cos'è per te? Come ti sei appassionata a questo sport?Le vittorie più significative e i tuoi obiettivi per il futuro. "Spesso quando parlo con amici di mamma, scherzano dicendomi che sono nata già correndo. L’atletica ha sempre fatto parte della mia vita, ricordo che quando ero bambina mi divertivo a strappare le medaglie dal collo di mamma per metterle io, e quando possibile mi intrufolavo in campo anche solo per poggiare i piedi sul tartan cocente sotto il sole dell’estate perché non vedevo l’ora di essere io a potermi mettere in gioco. Questo sport mi ha regalato gioie ma altrettanti dolori, perché la terza legge della dinamica (“ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria”) non è valida solo in fisica ma possiamo applicarla nella vita di ogni giorno. Quanto sei disposto a dare, a sacrificarti, tanto riceverai in cambio. D’altro canto senza sacrificio non si può raggiungere nulla di grande, nello sport come nella vita. E l’atletica non è nient’altro se non una palestra di vita. Vento, pioggia, grandine, non saranno mai abbastanza per frenare la voglia di fare, la voglia di superare i propri limiti e di arrivare sempre più lontano. Le sconfitte saranno il carburante per le vittorie e da ogni caduta ci si rialzerà sempre più convinti e pieni di entusiasmo. In piena onestà il mio obiettivo attuale è quello di migliorare me stessa, fin dove posso arrivare non lo so, ma voglio spingermi il più lontano possibile." 🔸La tua più grande sostenitrice è tua mamma Carla Sessa. Quant'è importante la sua figura? Descrivici un po' il vostro rapporto. "Da 19 anni vivo in “doppio”. Mia mamma, Carla Sessa, è sempre stata l’altra parte di me. Abbiamo gioito insieme dei successi e abbiamo superato insieme i momenti difficili, non solo sportivi ma della vita quotidiana. Certo, dover sempre fronteggiare un carattere forte quanto il tuo comporta anche delle incomprensioni e degli scontri, ma senza il confronto è impossibile riuscire a migliorare. Senza mia mamma oggi non sarei quel che sono, e la ringrazio ogni giorno di darmi la forza di credere in me stessa e di mettermi sempre in gioco, come ha fatto lei, che poco più di un anno fa ha conseguito il tesserino di allenatore specialista. Non bisogna mai smettere di credere nei propri sogni, per quanto questi possano sembrare impossibili." 🔸Cosa ne pensi della Running Club Napoli? "Ormai da 4 anni faccio parte della Running Club Napoli. Ho visto prendere forma e diventare sempre più grande il progetto del presidente, Vincenzo Esposito. Da un piccolo gruppo siamo diventate una “grande famiglia” perché da soli non si va lontano, pero’ insieme è possibile andare dappertutto. Avere una squadra su cui contare è fondamentale: delle compagne a supportarti, delle figure sempre presenti quali i diversi tecnici. Spero che insieme riusciremo a raggiungere degli obiettivi sempre più importanti, perché come abbiamo dimostrato a noi stesse raggiungendo la finale “Argento” a settembre a Torino, nulla è impossibile!" Grazie Anny per l'intervista, Ti augurismo di realizzare tutti i sogni🍀❤️🏅🏃🏼‍♀️ #RunningClubNapoli #Attiviecombattivi

Altre Pagine

25 settembre 2022

All'XI Trofeo degli Aurunci la nostra Anny vince la gara dei 1500m con il tempo di 4:52.42⚡🥇 Complimenti a lei e ai Tecnici Carla Sessa, Pino Leone e Marco Testero💙💛🐉

 
22 settembre 2022

 
 
ASD Running Club Napoli
Via Roma 20
Portici
80055
Tel: 3387844999